Salute e sicurezza

vedi tabelle correlate

Un impegno costante a favore della salute e della sicurezza è fondato sull’educazione e sulla prevenzione ma soprattutto sulla convinzione che le persone sono la risorsa più preziosa del Gruppo Autogrill

Quando si parla di benessere organizzativo non si fa riferimento a un valore astratto. Significa prestare attenzione alla salute dei singoli attraverso programmi di prevenzione e diffusione di stili di vita sani che aiutino a ridurre lo stress, a garantire il benessere psico–fisico dei collaboratori e la garanzia della salute e sicurezza sul posto di lavoro. La cura per le persone che operano nel Gruppo si deve tradurre in politiche concrete di prevenzione sanitaria come in campagne di sensibilizzazione per promuovere stili di vita sani.

Le proposte del Gruppo Autogrill sono differenziate per obiettivi e target di riferimento. Esistono servizi dedicati ai collaboratori che stimolano la partecipazione ad attività sane o semplicemente invitano a tenere comportamenti virtuosi: il servizio di bike sharing aziendale (con indicazione dei percorsi ciclabili in prossimità della sede milanese), le convenzioni con centri fitness, la costruzione di spogliatoi con docce in sede per chi vuole praticare sport. Anche i collaboratori della sede inglese di WDF possono usufruire di spogliatoi con docce, frutta fresca nelle aree break e accordi con centri fitness. La sede Americana di HMSHost è dotata di una palestra interna e ai collaboratori sono stati forniti gratuitamente un contapassi e l’indicazione di percorsi pedonali in prossimità della sede (walking program).
Recentemente in Italia è stato avviato il progetto benessere “Buon per me”, una campagna di educazione alimentare strutturata in incontri con esperti, rubriche online sulla intranet aziendale e programmi personalizzati. Questo percorso avrà poi un’applicazione concreta con la realizzazione nel ristorante aziendale di menu bilanciati combinati ad hoc per le diverse esigenze, in linea con le indicazioni della piramide alimentare italiana.

La prevenzione occupa il primo posto nelle politiche di Salute e Sicurezza del Gruppo Autogrill e si traduce in diverse iniziative differenziate per aree geografiche e settori di business. In Italia ad esempio, nel 2010 le visite mediche effettuate da parte di un servizio di assistenza coordinato da più di 20 medici sono state 4.373. Sempre in Italia e negli Stati Uniti sono state effettuate nell’inverno 2010 campagne di vaccinazione anti–influenzale. Nell’area Food & Beverage spagnola sono state attivate una serie di convenzioni con strutture sanitarie private che offrono importanti agevolazioni a tutti i collaboratori e i loro familiari mentre sia nella sede italiana che in quella inglese vengono effettuate regolari visite mediche e oculistiche per i video terminalisti e, in diversi paesi, Autogrill contribuisce alle spese sostenute dai collaboratori per montature e lenti oculistiche. In Aldeasa vengono effettuati diversi livelli di check up annuali gratuiti e volontari in base al tipo di contratto dei collaboratori ed è stato creato un Help Desk Salute che, nel rispetto totale della privacy, offre consulenza alle persone che abbiano destinato una quota dello stipendio ad un’assicurazione medica privata. A queste iniziative si aggiunge anche la possibilità di usufruire di assicurazioni mediche integrative personali – in alcuni contesti estendibili ai familiari – sia per i collaboratori dell’area Food & Beverage che Travel Retail, con diverse modalità legate alle differenti legislazioni che contemplano anche la possibilità di stipulare assicurazioni private per i propri lavoratori per eventi di morte o invalidità permanente.

Anche l’educazione ha un ruolo importante all’interno delle politiche di salute e sicurezza sul lavoro del Gruppo Autogrill. Oltre alla formazione di primo soccorso effettuata per i dipendenti della rete vendita (in ottemperanza alle normative italiane vigenti) sono stati organizzati, in collaborazione con la Croce Rossa Italiana, corsi gratuiti per i collaboratori di sede a cui ha aderito spontaneamente il 19% della popolazione.

SICUREZZA SULL’AMBIENTE DI LAVORO

L’impegno del Gruppo Autogrill nel garantire salute e sicurezza ai propri collaboratori e ai propri consumatori si traduce in prevenzione, tecnologia, formazione e monitoraggio costante

In tutti i Paesi dove è presente Autogrill la tematica della salute e sicurezza viene gestita operativamente attraverso appositi Comitati, composti sia dai dipendenti che dal management, che si riuniscono periodicamente per monitorare il rispetto della normativa in vigore, analizzare le problematiche emerse ed identificare le opportune azioni di mitigazione o eliminazione del rischio attraverso una specifica formazione o l’inserimento di nuovi dispositivi di protezione individuale. Ma l’impegno da parte di Autogrill nel garantire salute e sicurezza ai propri collaboratori e ai propri consumatori si traduce anche in attività costanti di prevenzione volte ad individuare, analizzare e ridurre i rischi connessi con le attività svolte per l’erogazione dei servizi. Questo impegno si traduce nel continuo miglioramento dei processi e/o impianti o nell’introduzione di nuove tecnologie e dispositivi di protezione individuale necessari per garantire i più elevati standard di sicurezza agli operatori che ogni giorno offrono un servizio ai clienti, nell’aggiornamento costante delle politiche e procedure, nonché nel continuo processo di formazione.

Per garantire l’efficacia di queste attività, all’interno delle singole società del Gruppo vengono costantemente monitorati volumi, tipologie di infortuni occorsi, azioni di mitigazione ed è in corso la predisposizione di un sistema di monitoraggio maggiormente efficace del fenomeno condiviso tra i principali Paesi del Gruppo per mettere a fattor comune competenze e iniziative in tal senso.

Come espresso nelle policy adottate da ciascun Paese in cui opera il Gruppo, l’attenzione rivolta ai collaboratori si riflette anche sui fornitori e i consumatori finali. A livello italiano sono due i sistemi di gestione, inclusi nella Politica e quindi nel Sistema di Gestione Integrato, che garantiscono al collaboratore condizioni di salute e sicurezza sul lavoro, attraverso il D.Lgs 81/08 e successive modificazioni, e condizioni etiche attraverso lo standard SA8000:2008.

Sempre in ambito italiano, si segnala la gestione attuata dal Comitato Health&Safety che si riunisce due volte l’anno per monitorare periodicamente l’andamento degli infortuni, la sorveglianza sanitaria e le malattie professionali, valutarne i rischi connessi, analizzarne le cause e la gravità. Le stesse tematiche vengono trattate nelle riunioni dell’Organismo di Vigilanza e periodicamente viene  presentata al Consiglio di Amministrazione l’applicazione del Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/2001– Parte speciale dedicata alla Sicurezza sul Lavoro. Da queste analisi e monitoraggio deriva una pianificazione di azioni di miglioramento per mitigare i rischi identificati attraverso provvedimenti che possono variare dalla revisione dei processi produttivi, all’adozione di nuovi dispositivi di protezione antinfortunistica e specifici corsi di formazione. Inoltre, nel corso del 2010, è stata lanciata una campagna di sensibilizzazione “Lavorare in sicurezza per tutelare se stessi” (con materiale distribuito a tutti i locali ed affisso nelle zone comuni) sul corretto utilizzo dei mezzi tecnici per il taglio in condizioni di sicurezza con l’obiettivo di ridurre sempre più gli infortuni durante le  attività lavorative e fornire agli operatori tutte le informazioni ed istruzioni necessarie per la loro sicurezza.

Come strumento di supporto per la campagna informatica si è aggiunto un video di formazione sulle tematiche di sicurezza sul lavoro, che viene fatto visionare a tutti i neoassunti.

Un altro caso esemplare è quello americano: la Policy per la Salute, Sicurezza e Risk Management fornisce a tutti i collaboratori i principi necessari da osservare per salvaguardare la loro sicurezza sul luogo di lavoro. A questo si aggiungono i “Safety Team” appositamente costituiti a livello di singolo punto vendita e composti da personale della direzione e dal personale operativo il cui compito è quello di mappare, attraverso appositi audit, le cause più frequenti di incidenti registrati e suggerire l’adozione di attrezzature, dispositivi di protezione individuale o, ancora, apportare aggiornamenti alle procedure esistenti. In particolare, nel corso del 2010, HMSHost ha lanciato presso i propri punti vendita una campagna dedicata ai temi di sicurezza sul lavoro ed ha provveduto ad incrementare il personale dedicato alla gestione delle tematiche di sicurezza sul lavoro presso le strutture centrali.

Spesso le politiche di sicurezza messe in campo dal Gruppo Autogrill si avvalgono di importanti collaborazioni: Autogrill Francia collabora con la Caisse Nationale d’Assurance Maladie des Travailleurs Salariés (CNAM–TS) su due progetti. Il primo riguarda l’integrazione dei principi di prevenzione dei rischi nei luoghi di lavoro sin dalla fase di ideazione degli edifici, nei casi di costruzione ex–novo, rinnovamento o estensione degli edifici già esistenti. Il secondo, invece riguarda l’approccio alla prevenzione attraverso l’ascolto e prevede l’inserimento di ogni collaboratore al centro della valutazione dei rischi professionali sul luogo di lavoro e il coinvolgimento della gerarchia operazionale e dei servizi di supporto per l’attuazione di concrete azioni preventive.

Nel settore Retail si registra un altro importate caso esemplare: la società World Duty Free è stata certificata OHSAS18001:2007 che rappresenta, in quanto standard ufficiale, la prima “norma” riconosciuta a livello internazionale in materia di salute e sicurezza sul lavoro premiando l’attenzione dell’azienda nel garantire ai propri collaboratori standard elevati di salute e sicurezza sul luogo di lavoro e l’impegno al miglioramento continuo su tali tematiche e la possibilità di comunicare suggerimenti all’azienda in merito ai temi di salute, sicurezza e ambiente.

 

La risposta sostenibile

Risultati e obiettivi di sostenibilità

Obiettivi dichiarati per il 2010
Continuo impegno nella riduzione degli infortuni a livello di Gruppo

Progetti e risultati
Impegno in attività di analisi preventiva dei potenziali rischi, interventi sui processi operativi al fine di ridurre le situazioni critiche e innovazione nella fruizione della formazione tramite l’utilizzo di video formativi per gli operatori

Target 2011
Continuo impegno nel garantire un luogo di lavoro salubre e sicuro riducendo sempre più il numero di infortuni a livello di Gruppo tramite azioni di prevenzione, formazione, nuove tecnologie e strumenti